Ussi Sicilia: “I giornalisti sportivi siano professionali ed obiettivi”

In relazione ad episodi che purtroppo avvengono con sempre maggiore frequenza e che, di recente, si sono verificati pure in importanti palcoscenici del panorama calcistico siciliano, l’Ussi ritiene opportuno ricordare a tutti i propri associati – e non soltanto a loro – l’importanza che il ruolo del giornalista sportivo ricopre in termini di neutralità e obiettività.

L’immagine dell’intera categoria non può essere messa a rischio da comportamenti faziosi e propri più del tifoso sfegatato che di un addetto all’informazione, il quale occupa spazi ufficiali (tribuna e sala stampa) e pertanto è tenuto a mantenere un adeguato contegno.

Tra l’altro, particolare non certo secondario, va ricordato come i giornalisti già iscritti all’Albo rappresentino un esempio anche per chi vorrebbe avvicinarsi a questa professione, che deve essere quindi indirizzato verso comportamenti all’insegna della professionalità e null’altro.
Un invito viene rivolto, inoltre, alle società sportive affinché vigilino su comportamenti non idonei all’etica professionale, anche vietando l’accesso a tribune e sale stampa a quelle persone che non ne hanno titolo.

L’Ussi segnalerà a tutti gli organi competenti – Consiglio dell’Ordine in testa – chi opera all’insegna dell’esercizio abusivo della professione e pure chi si renderà responsabile di violazioni deontologiche di ogni genere, che finiscono per gettare discredito su una categoria, che già è sotto l’attacco di molti, e non ha bisogno di essere indebolita anche dal proprio interno.

Il presidente dell’Ussi Sicilia, Sergio Magazzù