Verso i “Premi dell’Anno”: secondo appuntamento a Milo con “Lo sport locale si racconta”

10174791_10203072285921381_5712185000257778332_n

Adele Fichera, 12 anni, con la Kaos Team Catania ha raggiunto il terzo posto ai campionati regionali 200 dorso categoria esordienti A

Il secondo appuntamento del concorso “Lo sport locale si racconta” indetto dal gruppo siciliano dell’Ussi, con il patrocinio del comune di Milo, si è svolto al centro congressi del paese etneo. Hanno partecipato oltre 50 studenti delle classi dell’IC “Federico De Roberto” di Zafferana Etnea e delle sedi distaccate di Fleri e Milo che hanno incontrato alcuni atleti locali, che praticano sport a livello agonistico, ascoltando le loro storie, interessandosi ai racconti e tempestandoli di domande, trasformandosi in giornalisti per un giorno, per soddisfare la propria curiosità.
Dopo i saluti iniziali dell’assessore Michele Patanè e del dirigente scolastico Antonino Ferraro, è stato Giovanni Patanè, 59 anni, a raccontare la sua attività di giocatore dal 1980 al 1985 nel Milo calcio che militava in Terza categoria, passando poi per il ruolo di allenatore e successivamente di tifoso. Il secondo sportivo ad intervenire è stato Pietro Di Pietro, 57 anni e allievo di Nino Bottino nel Sollevamento pesi, che nel 1972 con la squadra Olympia Catania ha conquistato il 2° posto nella categoria Piuma al campionato regionale svoltosi a Catania. L’anno successivo, invece, a San Marino al campionato nazionale è giunto 4°, sfiorando il podio. Successivamente è toccato a Giusi Cutrona e Rosi Di Dio, mamma e figlia che giocano a Pallamano nello Sport Club Sicilia società di San Giovanni La Punta e che in questa stagione hanno ottenuto la Promozione in serie A1 femminile al termine di un grande campionato. Una 40enne e una 13enne che si trovano a meraviglia in questo sport, unite da una grande passione comune, che hanno spiegato alcune nozioni e raccontato le loro emozioni nello scendere in campo insieme. Adele Fichera, 12 anni, ha intrapreso la disciplina del nuoto con la Kaos Team Catania con cui ha raggiunto il terzo posto ai campionati regionali 200 dorso categoria esordienti A. Salvatore Leonardi fa parte del Bici Club Davide Di Mauro di Linguaglossa e gareggia in mountain bike. Finora ha raggiunto in gare regionali nella categoria Debuttanti due volte il secondo posto e una volta il terzo posto. Infine il Maestro Alfio Cavallaro, esperto di Ju-Jitsu e M.M.A. (Arti marziali miste), che è stato campione italiano nel 1993, 1994 e 1995 di Ju-Jitsu nella categoria 71 kg e nel 1996 si è classificato al 5° posto ai campionati del mondo a Parigi, oltre a raccontarsi ha allestito una dimostrazione della disciplina con due suoi piccoli allievi.
“Non possiamo che essere soddisfatti – ha dichiarato l’assessore Michele Patanè – infatti ciascuno degli sportivi locali, raccontando la propria esperienza e gli aneddoti legati alle discipline praticate, è riuscito a catalizzare l’attenzione dei ragazzi e a far scattare in loro la molla della curiosità. Le tantissime domande rivolte dagli studenti alla fine di ciascun intervento dimostrano che il concorso correlato ai premi dell’anno USSI del 3 giugno è particolarmente apprezzato e suscita vivo interesse”.
Il prossimo appuntamento avverrà venerdì 16 maggio quando gli studenti si cimenteranno nella creazione di un articolo/elaborato basandosi sul racconto che più li ha colpiti o sulla tematica di fantasia “Il campione che vorrei essere”, mentre i più piccoli della scuola primaria parteciperanno al concorso parallelo con la creazione di un disegno sul tema “Io e lo sport”. I primi tre verranno premiati il 3 giugno nell’ambito della 54esima edizione dei Premi Ussi.

Di seguito due momenti della manifestazione